VIETNAM

Cottage Viaggi / VIETNAM

Magiche isole, antiche città.
Il Vietnam è un paese in movimento, di grandi e veloci cambiamenti; di scintillanti risaie e meravigliose spiaggie di sabbia bianca, città in pieno boom e di venerabili pagode. Un paese spesso irresistibile per la sua rara bellezza che ha saputo orgogliosamente salvaguardare tradizioni e costumi.
Le coste disegnano stupendi litorali di incontaminate bianche spiagge, bordeggiate da palme e macchiate dai colori delle barche da pesca e sul cui sfondo si staglia il profilo delle eteree torri santuario degli antichi Cham. 

La miglior proposta

Un tour completissimo per chi ama addentrarsi al pieno in una nuova cultura (10 giorni / 9 notti)  Tour in italiano e voli interni in Vietnam COMPRESI ITINERARIO: Hanoi, Ninh Binh, Baia di Halong , Huè, Hoian, Duy Vinh, Ho Chi Minh, Delta del Mekong, Saigon […]

€1298 / per persona
10 giorni / 9 notti

Informazioni e curiosità

Conoscere il territorio

CONOSCERE IL TERRITORIO

Confina a nord con la Cina, a ovest con il Laos e la Cambogia, a est e a sud si affaccia sul Mar Cinese meridionale.

Non esistono stagioni consigliate o sconsigliate per visitare il Vietnam poiché quando in una regione il clima è piovoso, freddo o afoso c’è sempre qualche altro luogo dove si può trovare il sole e temperature miti.
Il nord è caratterizzato da due stagioni: l’inverno e l’estate. Il primo dura da novembre ad aprile, si presenta con temperature abbastanza basse (10-15 gradi) e, durante i mesi di febbraio e marzo, con una continua pioggerellina che i vietnamiti chiamano “polvere di pioggia”.
L’estate và da marzo ad ottobre accompagnata da occasionali e talvolta violenti tifoni. Durante questi mesi il clima è caldo ed afoso. Al centro da aprile ad ottobre vi è la bella stagione poiché questa zona non risente molto del monsone proveniente da sud ovest grazie alla protezione naturale data dalla catena montuosa di Truong Son mentre nel periodo da novembre a marzo arriva il monsone proveniente da nord est, portatore di piogge e tifoni.
Il sud, caratterizzato da un clima sub-equatoriale, ha due distinte stagioni: quella umida (da marzo a novembre) durante la quale si verificano quasi quotidianamente intensi acquazzoni di breve durata e quella secca (da dicembre ad aprile) con clima caldo e secco.

Clima

IL CLIMA NELLE LOCALITÀ DI MARE

Phan Thiet è la sola località balneare con 11 mesi di bella stagione. Solitamente piove nel mese di luglio o in quello di agosto e anche durante questo mese le piogge non sono mai continue e di breve durata. A Nha Trang ed a Danang/Hoi An la stagione balneare inizia a fine febbraio e finisce ad ottobre.

Cultura

CULTURA

Le estreme pendici himalyane scendono fino al Vietnam e qui si distendono in un grande arco, modellando altopiani e vallate in cui vivono decine di gruppi etnici della grande famiglia sino-tibetana: sono Thai, Muong, H’mong, Yao e chissà quanti altri ancora. Qui, negli incontaminati silenzi dei monti vivono ancora, inalterati nei secoli, gli ancestrali usi e costumi tribali. Ai piedi dei monti, scorre solenne il Fiume Rosso che solca la grande pianura ove nacque l’antico regno di Au Lac. Questa è la culla della millenaria cultura vietnamita.
Hanoi è oggi una moderna metropoli ma basta percorrerne le vie intorno al Lago della Spada restituita per trovare le splendide testimonianze del suo passato: templi e pagode del XI secolo che ancora narrano i miti del popolo Viet. Miti che diventano meravigliosi spettacoli naturali come a Halong dove i mille splendidi scogli e faraglioni disseminati nelle acque della baia in realtà sono le scaglie dei dragoni precipitatisi in mare.
Tra le forme di arte popolare vietnamita degne di nota vi sono i dipinti tradizionali su seta montati su cornici, varie tipologie di teatro, burattini, musica e balli tipici, sculture a soggetto religioso e oggetti laccati.

Storia

UN PO DI STORIA

Fino al VI sec d.C tutta la fascia meridionale dell’attuale Vietnam faceva parte del regno di Funan mentre già nel II sec il regno hindu di Champa si sviluppò nelle vicinanze di quella che è oggi la città di Danang fino a raggiungere nell’VIII sec l’attuale zona di Nha Trang.
I cinesi occuparono la zona del Delta del Fiume Rosso nel II sec e la tennero per circa 1000 anni fino al 938 d.C. Nel 1858 truppe francesi e spagnole attaccarono Danang dopo che alcuni missionari erano stati uccisi, e un anno dopo si impadronirono di Ho Chi Minh (la vecchia Saigon).
Alla fine del 1867 la Francia aveva conquistato l’intero Vietnam meridionale, che divenne la colonia denominata Cocincina.
L’indipendenza del Vietnam settentrionale fu proclamata, dopo sanguinose ribellioni e battaglie, nel 1945.
Con gli accordi di Ginevra del 1954 il paese venne diviso in due parti (il nord filocomunista e il sud anticomunista, sostenuto dagli americani) ma le divisioni politiche e ideologiche portarono rapidamente il Vietnam a una nuova guerra, in cui gli stessi americani si impegnarono con contingenti propri e alleati fin dal 1965.
La pace di Parigi del 1973 sancì un immediato cessate il fuoco e il ritorno a casa delle truppe americane. Saigon capitolò di fronte alle forze filocomuniste solo il 30 aprile 1975. La fine della guerra fredda e la disgregazione dell’Unione Sovietica nel 1991 portarono a un riavvicinamento tra il Vietnam e l’Occidente.
Solo nel 1995 gli USA riallacciarono le relazioni diplomatiche con Hanoi. Il Vietnam ha vissuto una sorta di boom economico dopo la guerra, ma negli anni recenti l’economia ha rallentato. Nel 2007 il paese è entrato a far parte dell’Organizzazione Mondiale del Commercio e nel 2008 è diventato anche membro non permanente del Consiglio di Sicurezza dell’ONU.